Le parole chiave a coda lunga sono ormai essenziali per una strategia SEO efficace che abbia come obiettivo primario quello di portare traffico qualificato ad un sito web e che possa quindi aumentare di conseguenza un tasso di conversione tra gli utenti che navigano il sito.

Come possiamo scegliere la lunghezza della parola chiave o keyword in ambito SEO quando ci si appresta a scrivere un articolo per il proprio blog o si cerca di ottimizzare una pagina del proprio sito web? Non c’è una regola unica, ma per ottimizzare un articolo lato SEO ed ottenere risultati in tempi rapidi, c’è un piano da poter seguire per poter ottimizzare il sito in tempi rapidi e scalare la SERP su chiavi di ricerca poco aggredite dai competitor e quindi con una difficoltà minore di posizionamento. Per capire il discorso facciamo un passo indietro e distinguiamo le due tipologie di parole chiave e perché nelle mie strategie SEO prediligo meno traffico ma di qualità e con tassi di conversione più alti, rispetto ad un traffico maggiore ma meno a target e con tassi di conversione per questo più bassi. Cominciamo!

Come posizionarsi sui motori di ricerca? La scelta della lunghezza della keyword

E’ impossibile posizionarsi in prima pagina su Google ed in prima posizione? No, assolutamente. Bisogna premettere e separare due concetti però:

  1. posizionarsi su una parola chiave unica (Google)
  2. posizionarsi su parole chiave long-tail o parola chiave a coda lunga (Come posizionarsi su Google)

Pensate ad un piano per scalzare Google o Apple dalla prima posizione di ricerca, ovviamente parliamo di chiavi di ricerca su Brand, ma anche scalare adeguatamente una keyword come acqua o bevanda. Oggi è praticamente impossibile o meglio è possibile in alcuni casi ma poco produttiva a fronte di uno sforzo veramente notevole. Il problema è che la motivazione dietro alla ricerca è informativa non orientata ad una conversione o per un acquisto o almeno non in maniera centrale. Per questo motivo e per ovviare ad un problema di target troppo generico e con intenti di ricerca differenti, bisogna lavorare sulle parole chiave a coda lunga. E già qui abbiamo svelato il primo passaggio e dato una risposta alla vostra domanda. Per fare SEO su un articolo o una pagina l’ideale è scegliere una parola chiave della lunghezza definibile come “a coda-lunga”.

Cosa sono le parole chiave a coda lunga?

Cosa significa parola chiave a coda lunga o long-tail keyword? Semplicemente una parola chiave composta da più termini che vanno a specificare la ricerca. Non “cercare” come detto ma “Come cercare su Google” oppure “Google fondatori”, oppure “Google come si apre”. Insomma una ricerca più chiara e precisa. Facciamo altri esempi concreti per capire il numero di ricerche mensili, e quindi passiamo a capire come possiamo trovare quelle più adatte:

Se ricerchiamo sul motore di ricerca questa parola chiave “maglietta” quali sono le parole più interessanti con maggior traffico potenziale ma a coda lunga?

  • maglietta gucci
  • magliette donne
  • magliette eleganti
  • magliette uomo
  • magliette estive particolari
  • maglietta bianca
  • magliette personalizzate
  • maglietta disegno

Come varia il numero di ricerche mensili ad esempio tra maglietta e magliette

  • maglietta ha un volume di ricerca medio mensile di 3600
  • gucci maglietta ha un volume di ricerca medio mensile di 5400

Molto semplice ovviamente, ma in questo caso anche la parola chiave “maglietta gucci” è troppo poco precisa: andiamola a declinare come long tail. E’ semplice valutare una keyword a coda lunga su un prodotto del genere, ad esempio si possono cercare i top seller di Gucci a livello di maglietta e provare a spingerci in una strategia SEO aggressiva ad esempio su una keyword come “maglietta gucci bianca”. Volume di ricerca minore, ma più dettagliata. Ed entriamo nel secondo punto di analisi. Quello che risponde a questa domanda: come cambia  la difficoltà di scalare la SERP di Google per una data parola chiave? Entriamo nel concetto di Keyword Difficulty.

Cosa è la Keyword Difficulty e perché è essenziale?

La Keyword difficulty è una metrica o parametro che serve per analizzare quanta difficoltà potremmo incontrare nel cercare di far posizionare un articolo o sito web per una data parola chiave. Da cosa dipende, quali sono i parametri in gioco per la sua valutazione?

La Keyword difficulty analizza i siti posizionati in SERP e la loro autorità: al crescere della difficoltà ovviamente sarà più difficile posizionare una data parola chiave perché ci si andrà a scontrare con avversari con una “importanza” ed una “storicità” differente (molto riduttivo ma chiaro) dalla nostra. Fatta chiarezza su questo parametro andiamo a vedere come possiamo trovare le long tail keyword in maniera efficace.

Come cercare le parole chiave a coda lunga

Gli step sono chiari, ma come possiamo cercare nel dettaglio le parole chiave a coda lunga più efficaci per il business  su cui lavoriamo? Partiamo da una strategia low cost, ovvero se non avete budget, mentre elencheremo gli strumenti più utili a pagamento.

Primo metodo molto semplice è sfruttare le ricerche di Google motore di ricerca. Come fare?
Digitare una parole chiave sul motore di ricerca, aspettare il caricamento dei suggerimenti e valutare quale fa al caso nostro, oppure andare alla fine della prima pagina e vedere cosa ci propone Google come correlazione di ricerca. In questo caso immettere anche una semplice parola come maglietta può fornirci indicazioni per specificare maggiormente la keyword.

motore di ricerca di google per trovare long tail o parola chiave a coda lunga

Restando in tema Google potete inoltre incrociare questi dati con le ricerche da Google Trends, qui potrete vedere la stagionalità delle parole chiave, trovarne di correlate oppure valutare il trend di una ricerca. Ovvero se ad esempio in un dato periodo o se nelle previsioni di Google quella parola chiave ha avuto o avrà maggior traffico.

google-trends per capire flussi ricerca di parole chiave o parole chiave a coda lunga

Se invece volete usare uno strumento ma gratuito il mio consiglio è Answer the Public. Si tratta di un tool che permette nel piano basic, di valutare cosa gli utenti chiedono in rete (in varie lingue e luoghi tra cui l’Italia) riguardo una parola chiave. Ad esempio maglietta se inserita in Answer the public restituirà delle domande relative a chi, cosa, come, quale, dove, perché che si ramificheranno a loro volta in ad esempio “come sbiancare maglietta”, oppure con abbinamento di preposizioni, con per, come, senza, a, e qui entriamo ancora più in ricerche interessanti come “maglietta per gatto” oppure “maglietta per sudare”, “maglietta per papà” oppure “senza maglietta” senza maniche e via dicendo. Inoltre permette anche comparazioni ovvero mette in relazione le domande su una parola chiave come “maglietta o camicia” ovvero ricerche che generano traffico da comparazioni da parte di utenti, che quindi hanno un intent specifico di ricerca. Inoltre infine permette anche di fare una ricerca alfabetica che mette a disposizione degli utenti le varie combinazioni con parole che iniziano per una data lettera (in ordine alfabetico). Ad esempio restando su maglietta avremo:

  • maglietta adidas
  • maglietta a maniche corte
  • maglietta armani
  • maglietta a maniche corte cruciverba
  • maglietta adidas uomo
  • maglietta autocertificazione
  • maglietta atalanta

ubersuggest come usarlo per keyword a coda lunga

Molto facile ed efficace da utilizzare, non propone i flussi di ricerca né la difficoltà ma per questo può venirvi incontro uno dei seguenti strumenti a pagamento (disponibili per alcune ricerche anche in versione free). Parliamo di:

  • Seo Zoom
  • Sem Rush
  • Uber Suggest

Il loro funzionamento in poche righe è riassumibile in questa maniera: sono degli strumenti avanzati che vi permettono di analizzare le parole chiave, con variabili quali tasso ricerca, difficoltà, stagionalità, competitor. Ovviamente questa è solo una piccola parte di quello che vi offrono questi strumenti che variano dai 29 euro a salire ed hanno anche una versione gratuita sfruttabile con un numero limitato di ricerche e feature disponibili per utenti senza troppe pretese.

come funziona seo zoom

In sintesi: consigli per ricercare parole chiave a coda lunga

Un consiglio personale è quello di iniziare con il ricercare le parole sfruttando gli strumenti a pagamento, utilizzare in primis parole chiave con almeno 3 parole, il più verticali possibile su un argomento. Né troppe, né troppo poche. Questo è il mio tipo di lavoro al momento più redditizio: e se volete una analisi più approfondita o desiderate trovare keyword efficaci, affidatevi ad un esperto del settore.

Se desideri una consulenza lato SEO non esitare a contattarmi compilando il modulo di iscrizione qui sotto, per te che hai letto questo articolo una prima consulenza ed analisi gratuita!

Vuoi scrivere un articolo perfetto per il tuo blog? Ecco come fare!