Roma, Italia
+39 3286488581
marco511@hotmail.it

SEO e Machine Learning: come viene utilizzata da Google?

Seo, Social Media ed altri mostri

SEO e Machine Learning: come viene utilizzata da Google?

👽SEO e Machine Learning, un binomio perfetto per Google, che può sfruttare l’intelligenza artificiale, o meglio questa branchia dell’IA per ottimizzare il suo lavoro sui motori di ricerca e regalare agli utenti dei risultati che siano sempre più perfetti ed inerenti le loro richieste. 

L’importanza sempre crescente del Machine Learning sta portando a dei cambiamenti importanti il mondo di Google e dell’indicizzazione sui motori di ricerca: vediamo insieme in che direzione.

Danny Sullivan poco tempo fa ci illustrava l’utilizzo del “Neural matching”. Di cosa si tratta? Un metodo per connettere nel miglior modo possibile le parole ai concetti che le persone esprimono con queste. I sinonimi intesi a livello “super” come definisce Danny, per impattare nel 30% delle query di ricerca. 

Ed ecco come illustra il meccanismo con quello che definisce “soap opera effect” direttamente nel pratico: cercando quella chiave di ricerca i risultati appaiono in questo senso: 

danny sullivan-spiega-aggiornamento-algoritmo

SEO ed Intelligenza artificiale: il caso della Machine Learning di Google

Facciamo però un passo indietro per farne due in avanti. Cosa si intende per Machine Learning? Si tratta di un algoritmo che apprende tramite segnali ed è programmato per questo. Come viene usato a suo vantaggio da Google? La conoscenza di Google aumenta in base al numero ed alla qualità delle interazioni con gli utenti: attraverso dei sistemi di conoscenza in base a come effettivamente un utente interagisce con un sito web, G valuta un contenuto.

Un semplice caso per spiegare tutto questo?Frequenza di rimbalzo e tempo di permanenza medio su un sito.

Siete in una posizione alta su Google in SERP, un utente cerca una parola chiave e decide di cliccare sul vostro contenuto. Esce dopo pochi secondi, va sul secondo contenuto, esce, va sul terzo.

Google capirà, se questo comportamento sarà ripetuto da diversi utenti, che quel contenuto non è da prima posizione e cambierà la sua SERP. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *