Oggi parliamo di un argomento molto importante e molto, troppo sottovalutato: Seo YouTube, o meglio ottimizzare i video di YouTube affinché vengano recepiti nel miglior modo possibile da quello che nasce come un Social di video ma che è diventato un vero e proprio motore di ricerca, secondo soltanto a Google.
Eh si perché YouTube è un vero e proprio motore di ricerca, ogni giorno milioni di persone cercano video di qualsiasi tipo e la risposta alle ricerche viene gestita dalla piattaforma attraverso un complesso algoritmo. Per ottimizzare i video e fare SEO su YouTube è necessario avere una conoscenza basilare della piattaforma ed avere nozioni base di ottimizzazione per i motori di ricerca. Non avremo a che fare con link, meta dati e quanto altro ma con alcune caratteristiche dei video di YouTube.

Cosa bisogna ottimizzare su YouTube a livello SEO?

Prima di capire come si ottimizza un video, bisogna intendere che in un futuro neanche troppo lontano (si parla di stime del 2020-2021) il 70% delle ricerche genererà risultati Video o che includano la presenza di questa tipologia. Quindi ottimizzare oggi i video di YouTube è essenziale per avere dei risconti immediati e nel prossimo futuro, senza dover correre ai ripari.Il mercato che va osservato come riferimento al solito è quello americano: quale è la tendenza lì? In una parola soltanto: video ovunque. Per cui vale la pena aspettarsi lo stesso risultato, ma con tempi, come sempre più lunghi, anche nel nostro Bel Paese.

Prima di addentrarci nell’ottimizzazione tecnica vediamo quali sono le componenti che andranno curate. Esattamente:

  • Titolo del video
  • Descrizione del video
  • Hashtag del video
  • Tag
  • Schede
  • Indice
  • Schermata finale
Oltre a questo YouTube funziona in maniera molto semplice: sulla piattaforma si caricano video che finiscono per essere guardati da viewers, che possono lasciare il proprio gradimento con un like, un dislike in caso contrario, ed un commento; poi ci sono gli advertiser che pubblicano pubblicità in piattaforma tramite Google ADS.
Detto questo senza dilungarci oltre vediamo i consigli per ottimizzare un video sul tubo più famoso del mondo.

 

fare-seo-youtube

Fare SEO su YouTube cosa vuol dire?

Partendo da Google possiamo estrapolare anche per YouTube un elenco di cose che serve ottimizzare. Parliamo nel caso di Google, facendo un elenco molto sintetico dei fattori che contano in un singolo articolo o in una pagina (considerando solo gli aspetti on-page):

  • Titolo
  • Sottotitolo
  • Tag alt
  • URL

Per YouTube quali sono invece questi aspetti che ottimizziamo nelle singole pagine dei blog? Parliamo di:

  • Keyword
  • Titolo
  • Descrizione
  • Tags
  • Immagine del video

Scegliere la keyword giusta per YouTube

Partiamo da qui: scegliere la Keyword giusta per il proprio video. L’ottimizzazione per YouTube dei video parte dalla parola di ricerca, la chiave, una frase o una singola parola (con lo stesso discorso di Google, ovvero occorre qui rispondere alla domanda degli utenti e di quello che cercano in rete).

Basterà fare una semplice semplice ricerca, in questo modo per cominciare ad avvicinarsi alla SEO per YouTube:

how to post google search

 

“How to post” da scrivere sulla barra di ricerca ci genererà dei risultati correlati o suggeriti che ci diranno quali sono a grandi linee le tendenze del momento sulla piattaforma, ovvero le ricerche maggiormente effettuate.

YouTube stesso ci fornisce un elenco delle parole più ricercate, delle frasi più richieste. Molti topic escono fuori ad esempio se scriviamo How to post, con tante idee per un video. Per capire il volume di ricerca potete utilizzare il Google Keyword Planner o lo stesso Google Trends o tool ad hoc per scegliere la parola giusta su cui fare un video. L’obiettivo deve essere identificare e trovare qualcosa che possa portare tanto traffico ed in cui la competizione sia bassa. Ecco non esiste niente di più difficile e semplice al tempo stesso.

youtube keyword di tendenza

Seo YouTube: sono essenziali le keyword!

Come usare la parola chiave su YouTube?

Il consiglio è facile: usala nei posti giusti, ma senza creare quella pratica obsoleta chiamata del Keyword Stuffing, ovvero la ripetizione di parola/parole chiave all’interno di alcuni contesti come la descrizione, il titolo in maniera ripetuta e forzata più volte. No, no, no è una pratica superata da Google da tempo e da YouTube più recentemente. Dove posizionarla allora?

Nel titolo, dove possibile, rispondere ad una domanda. In questo caso, facendo sempre riferimento alla ricerca effettuata sopra in inglese, se ci riferiamo a quel mercato “how to post on instagram stories” che in Italia sarà come postare sulle storie di Instagram. Lo stesso andrà fatto nella descrizione, senza andare a forzare una corrispondenza esatta, e lo stesso andrà fatto con keyword secondarie ed eventualmente sinonimi. Idem con i tag, in cui andrà inserita la keyword e le parole che possono riguarda quel video, quindi in questo caso Instagram, Instagram stories etc etc.

Come ottimizzare la descrizione su YouTube

Quando parliamo di descrizione su YouTube, spesso e volentieri viene sottovalutata la sua importanza: per il Tubo si tratta del corpo del testo, della trascrizione degli argomenti. E’ buona norma quindi:

  • inserire un indice con il minutaggio in cui si parla di tale argomento
  • inserire una descrizione corposa di cosa si tratta
  • utilizzare le keyword e quelle secondarie, anche senza corrispondenza esatta
  • provare a stimolare ai commenti attraverso domande

Fare SEO su YouTube: la descrizione va ottimizzata per determinate keyword!

Come utilizzare i tag: consigli SEO

Stesso per i tag, sottovalutati ed usati senza una vera logica. E’ inutile utilizzare molti tag che non siano corrispondenti all’argomento trattato solo per intercettare il pubblico. Ideale sarebbe studiare quelli più utilizzati e di tendenza su quell’argomento, verticali al massimo. Quindi Instagram stories, storie instagram, come postare su instagram, come inserire storie, storie di instagram, guida instagram e via dicendo.

Un numero consigliato è di 10 tag che siano tutti ideali per quel video.

Altri consigli per rendere il video perfetto

YouTube e Seo devono diventare essenziali e centrali nella vostra strategia. Oltre a questo potete e dovete curare i vostri contenuti in maniera importante, avere video di qualità e che rispondano alle domande degli utenti.

Oltre a questo, ci sono piccole pratiche che affiancata alle strategie di SEO su YouTube, possono darci ottimi risultati. Al termine del video potreste inserire degli hastag relativi all’argomento di cui si parla. In questo caso, quello del nostro esempio scriveremo: #instagramstories #nomecanale #instagramtutorial. Questi sono visibili in alto sotto il video e possono aiutare nella indicizzazione del video quanto per chiarire subito gli argomenti di cui si parla. Una spia, che può portare trust e far girare il nome del canale.

Ed i backlink di YouTube? Se volete aiutare il vostro sito web ad essere visitato mettete entro le prime due righe il link, in modo tale che da ricerca da Desktop anche senza aprire il video sia cliccabile, come una volta aperto il video senza dover scorrere ed aprire tutta la descrizione del video. Molto molto facile e utile.

Altro trucco o meglio arma da usare è l’inserimento di schermate finale, di questo genere:

La schermata finale è una vera e propria arma per far collegare gli utenti al proprio canale e vedere altri video

Infine un piccolo consiglio: prima di caricare il video su YouTube è buona norma rinominarlo con eventualmente una mini descrizione che contenga la keyword principale quindi ad esempio: “how-to-post-on-instagram-stories-tutorial-eng“.

Se avete altre domande scrivetemi pure nei commenti o una mail (trovate i contatti qui) oppure compilate il form qui sotto con il nome del vostro canale YouTube nella descrizione!

Vuoi scrivere un articolo perfetto per il tuo blog? Ecco come fare!